15 April 2008

La

Una ballerina. Il corpo esile, i muscoli forti e allenati, il tutù nervoso.


Oggi è il giorno del debutto, oggi mi gioco tutti questi mesi di fatica. In piedi dietro le quinte, fremendo, col fiato che si rincorre, aspettando il momento giusto.


Ripassava tutti i passi mentalmente, si ripeteva il ritmo nella testa, lo distribuiva in tutte le fibre del suo corpo. Diventava tutt'uno con il parquet, con il sipario, le luci. Pronta a quell'esplosione nel pubblico.


Dondolava la testa, per avvertire il sottile scricchiolio del suo collo.


Era una macchina perfetta, era potenza leggerezza e armonia concentrate in un punto di infinita grazia.


Nulla contava più: i dolori , i gossip dell'esistenza, i rumori, il sibilo del pubblico in attesa.


Era etere.


Si fuse con il silenzio. Poi la sua nota, il suo trampolino, esplose in un turbinio di colori e volteggi...

3 comments:

Zololkis said...

See Please Here

JoJosho said...

See Please Here

Mont said...

ciao bello!! Ti ho lasciato un meme, vai sul mio blog :)